Dalle h.12:00 del 25 luglio 2019, questo portale di e-commerce verrà messo in modalità "catalogo", senza la possibilità di effettuare nuovi acquisti, ferma restando la facoltà di accedere all’area riservata per consultare il carrello degli acquisti già completati.

Dalle ore 13:00 del 25 luglio 2019 sarà disponibile il nuovo portale di e-commerce per effettuare i nuovi acquisti al seguente indirizzo: https://eshop.ordinearchitetti.mi.it
Incarico, contratto, preventivo  

ed-in-collaborazione

Incarico, contratto, preventivo

Manuale per architetti e ingegneri dopo l'abrogazione delle tariffe

Maggiori dettagli

Il nuovo panorama che si è presentato con l’approvazione dei provvedimenti degli ultimi anni ha costretto a rivedere i criteri di stesura di un contratto professionale. L’adeguamento ai condizionamenti del “mercato” che ha codificato un principio di concorrenza ha anche escluso la possibilità di appellarsi a leggi, norme e consuetudini: la frase “Per quanto non esplicitamente previsto si fa riferimento alla Tariffa professionale di cui alla legge n. 143/49...” che ha accompagnato fino a pochi mesi fa ogni disciplinare di incarico, non ha più alcuna ragione d’essere e va sostituita con una elaborazione puntuale e personale delle prestazioni e degli onorari. Non si tratta di offrire servizi, genericamente comuni per tutti i professionisti, a prezzi più o meno bassi, ma di costruire un proprio “mansionario” al quale far corrispondere una valutazione personalizzata degli onorari. Perciò l’incarico dovrà contenere alcuni documenti che in questo volume sono descritti: la lettera d’incarico, il contratto, il disciplinare prestazionale, il preventivo degli onorari professionali. Questo volume illustra le possibili soluzioni da adottare nella stesura di un contratto di incarico per gli architetti e per gli ingegneri e suggerisce come organizzare correttamente un disciplinare e un preventivo: la redazione personalizzata di questi documenti sarà, d’ora in avanti, l’unica base di qualsiasi rapporto professionale. Per altro ciò risponde alle norme della legge quando afferma che il professionista “deve rendere noto al cliente il grado di complessità dell’incarico, fornendo tutte le informazioni utili circa gli oneri ipotizzabili dal momento del conferimento fino alla conclusione dell’incarico”. Inoltre, “in ogni caso la misura del compenso … va pattuita indicando per le singole prestazioni tutte le voci di costo, comprensive di spese, oneri e contributi”. E non possono che venire alla mente, tra l’altro, alcuni passi del Codice Deontologico degli architetti italiani quando, ad esempio, si afferma che “è fatto obbligo da parte del Professionista la definizione del contratto completo di preventivo del costo delle opere e degli oneri professionali da sottoscrivere dalle parti”. Completa l’opera un Cd-Rom allegato contenente la normativa e una serie di schemi ed atti in formato editabile.

Carlo Lanza, architetto libero professionista, è componente della Commissione Parcelle dell’Ordine degli Architetti di Milano, del Gruppo di lavoro “Contratti e Compensi” della Consulta regionale lombarda degli Ordini degli Architetti e docente nei corsi per la formazione continua in materia di professione e deontologia.

  • Altezza: 30 cm
  • Larghezza: 22 cm
  • autore: Carlo Lanza
  • editore: Maggioli editore
  • anno: 2014
  • pagine: 228 p.
  • ISBN: 8891602626